Ecco un bacino idroelettrico del Lazio, il Turano, dove le acque cattureranno la vostra attenzione perché sono uno specchio in cui risplendono i verdissimi Monte Navegna, una suggestiva altura di oltre 1.500 m,  il Monte Cervia, le casette di Colle di Tora e Castel di Tora, un po’ più in alto a 700 m, lo sperone roccioso di Ascrea e il campanile sull’aspro strapiombo di Paganico. L’estensione del lago è di 5,6 km2, la profondità varia tra i 65 ed i 70 m, le acque sono condivise con quelle del Salto come se si trattasse di due vasi comunicanti che tuttavia non riescono quasi mai a stare alla stessa quota poiché di norma il Turano si trova leggermente più in alto per consentire il travaso attraverso una galleria scavata nella roccia lunga 9 km con un diametro di 2,50 m, che attraversa il Monte Navegna. Entrambi i bacini variano la loro quota e normalmente si trovano tra i 525 e i 535 m d’altezza sul mare ed alimentano la centrale idroelettrica di Cotilia, realizzata anch’essa dalla Società Terni negli anni Trenta ed oggi gestita dal Nucleo Idroelettrico di Terni di ERG. Se soffrite di vertigini e vi trovate a passare sulla diga di Posticciola, del tipo a gravità massiccia, non vi sporgete verso il lato asciutto poiché ci sono 80 m a picco su una gola mozzafiato. Qui, sulla sponda sinistra, troverete una grande scritta scolpita su una lapide, in memoria dei 38 lavoratori che persero la vita durante i lavori e la data di realizzazione dell’imponente opera, 1939. Durante la seconda guerra mondiale l’esercito tedesco in ritirata minò l’opera per far fuoriuscire tutta la riserva d’acqua, il carbone bianco, per togliere all’Italia risorse pregiate, ma il capo dei guastatori sbagliò i calcoli e la mina che aveva posto sotto la paratoia dello scarico esplose prima che lui potesse uscire dalla galleria. Inizialmente lo squarcio nella paratoia non fu riparato, per consentire il rilascio di un po’ d’acqua al fiume, poi la perdita divenne maggiore, ma i lavori si complicarono a causa di ulteriori danni avuti ad un aeroforo a monte, tanto che solo da pochi anni è stata ripristinata la piena funzionalità.

Diga del Turano durante uno sfioro
Diga del Turano durante uno sfioro
Diga del Turano
Diga del Turano
Diga del Turano
Diga del Turano
Ponte sul lago del Turano
Ponte sul lago del Turano
Condividi: