La centrale idroelettrica di Broc nel cantone di Friburgo, è alimentata mediante una galleria forzata di 2,1 km dalle acque del lago di Montsalvens ottenuto grazie all’omonimo sbarramento progettato dall’ingegnere Alfred Stucky (1892–1969). L’invaso, riempito per la prima volta nel 1921, grazie all’apporto dei fiumi Jogne, Javroz e Riau du Motélon, con un volume di 9,3 milioni di m3 rappresentò la prima applicazione concreta di una diga ad arco in cemento in Europa, spessa alla base 22 m, alta 52 m, con un coronamento di 110 m. L’officina è dotata di 5 turbine tipo Francis, della potenza complessiva di 25 MW che possono utilizzare una portata di 26 m3/s su un salto geodetico da 96 a 122 m per una producibilità annua di 67 GWh, ovvero il fabbisogno di circa 13.400 famiglie. In anni recenti presso il pregevole edificio è stato allestito un interessante centro visite denominato Electrobroc e la centrale seppur ancora in produzione, è divenuta splendido museo di sè stessa. I visitatori possono scoprire la storia della produzione e dell’uso di energia idroelettrica ed un modello di città animato simula l’uso dell’elettricità durante il giorno e la notte, grazie ad un allestimento di ben 1.200 m2. Le visite guidate portano i turisti nella sala macchine, mentre all’esterno sono stati conservati sezioni di condotta forzata in acciaio e parti di turbine sostituite negli anni per usura. Electrobroc accoglie famiglie, scuole, associazioni o aziende, adattando la visita alle conoscenze e agli interessi di ciascuno. All’ospitalità sono riservate una caffetteria con 60 posti ed uno spazio picnic a disposizione esclusiva dei visitatori. In dettaglio la mostra propone:

• Film e cartoni animati che presentano la storia energetica mondiale e gli impianti idroelettrici nella regione
• Un modello animato di 19 m2 che simula 24 ore di distribuzione elettrica
• Dimostrazione della produzione di elettricità con una bicicletta, del funzionamento di una dinamo
• Una sala dedicata all’elettricità quotidiana: come scegliere la propria illuminazione, eliminare gli sprechi di elettricità, comprendere il comfort termico
• Visita alla centrale idroelettrica in esercizio con informazioni tecniche e schemi
• Un simulatore di fulmini da 250.000 Volt,
• Un generatore di arco elettrico
• Una sala congressi da 20 posti
• Una sala proiezioni da 50 posti

Diga e lago di Montsalvens
Diga e lago di Montsalvens
Il fiume Jogne con la centrale idroelettrica
Il fiume Jogne con la centrale idroelettrica
Electrobroc

A 10 minuti si trova la fabbrica di cioccolato Maison Cailler che offre degustazioni, infine un suggestivo sentiero conduce attraverso le gole della Jogne alla diga di Montsalvens.

Condividi: