Il sale è stato estratto nel circondario di Hallein, sulla riva occidentale del fiume Salzach, 18 km a sud di Salisburgo, per più di 7.000 anni. L’area è meglio conosciuta per i manufatti della civiltà celtica fiorita circa 2.500 anni fa, esposti nel Museo Celtico di fronte al fiume che occupa l’ex edificio amministrativo delle saline, risalente al 1754, con una parte riservata anche alla storia dell’attività estrattiva. Una funivia parte da Hallein per condurre i visitatori alla visita della miniera scavata sulla montagna Dürrnberg, che nel 1903 impiegava 200 persone. Inizialmente i cristalli di sale solidi erano estratti manualmente con il solo ausilio di utensili da scavo, poi per aumentare l’efficienza, fu implementato un sistema per pompare acqua dolce all’interno delle caverne, scaricata verso un impianto di accumulo ad Hallein. La rete di gallerie si estende sotto il confine tra Austria e Baviera ed il lavori erano regolamentati da un accordo negoziato tra i due paesi 1829 in base al quale potevano essere impiegati fino a novanta agricoltori bavaresi. I turisti sono accolti da un documentario che illustra la storia e le caratteristiche della miniera, poi equipaggiati con casco e tuta protettiva, prende il via la visita guidata, della durata di 90 minuti, che include un viaggio di 400 m su un treno elettrico sotterraneo Grubenbahn, la possibilità di utilizzare due scivoli in legno lunghi 42 m che i minatori utilizzavano per scendere tra i vari livelli ed una suggestiva gita in barca su un lago sotterraneo, 50 m più in profondità. Oggi, un emozionante percorso fruibile in sicurezza anche dalle famiglie, si snoda nelle gallerie dove un tempo si estraeva il salgemma nome comunemente utilizzato per la halite, un minerale formato da cloruro di sodio, descritto per la prima volta da Ernst Friedrich Glocker, mineralogista e geologo tedesco, nel 1847. Dopo un’altra entusiasmante discesa su uno scivolo, si rivive la storia dell’uomo nel sale, grazie alle scoperte avvenute negli anni 1577 e 1616, dei corpi di alcuni minatori celti, sepolti da crolli improvvisi. Come testimoniano le cronache, il sale aveva conservato perfettamente sia i cadaveri, che ancora avevano barba e capelli, sia le vesti che indossavano.

Camera di salgemma
Camera di salgemma
Il lago sotterraneo
Il lago sotterraneo
Il trenino elettrico
Il trenino elettrico
Impianto per il pompaggio dell'acqua
Impianto per il pompaggio dell’acqua
Minatori
Minatori
Cartolina d'epoca
Cartolina d’epoca
Condividi: