Abbandono e distruzioni caratterizzano ormai da decenni la centrale di Papigno e le sue sottostazioni, nonostante le tante promesse e le tante idee, più o meno originali proposte per il cosiddetto “recupero e valorizzazione” della vasta area dell’ex elettrochimico. A titolo di cronaca è importante ricordare che Sviluppumbria, ICSIM, AIPAI, TNS Consorzio Sviluppo Aree ed Iniziative Industriali, insieme al Comune di Terni, nel 2010 dettero vita al Parco e Museo dell’Energia, il PaME, poiché “l’area del sistema idrografico Nera-Velino ha sedimentato (…) un peculiare sviluppo economico e produttivo che ha caratterizzato fortemente la struttura e l’immagine dell’intero territorio ad esempio emblematico della industrializzazione italiana ed europea, tale processo ha lasciato una cospicua e significativa eredità, in termini di edifici, impianti, infrastrutture, macchinari, archivi, che costituisce un patrimonio di grandissimo valore culturale da utilizzare a vantaggio della comunità“. Premessa appropriata, senza dubbio. Lo stanziamento iniziale a carico dell’ente municipale è stato, come risulta dalla deliberazione del 29 dicembre 2011, di 2.000 euro (DGC n. 433/2011), mentre a carico del bilancio 2013 risultavano 14.000,00 euro. Mentre la costituzione del PaME è stata ampiamente pubblicizzata, del tutto in silenzio è passato il recesso da parte del Comune di Terni, deciso con la deliberazione della giunta del 21 ottobre 2015 e motivato con le “crescenti difficoltà finanziarie“.  Ad oggi del tanto auspicato museo dell’energia di Papigno non esiste traccia, anzi la situazione degli immobili e dei macchinari continua a peggiorare sotto il peso dell’incuria e dei continui danni inflitti dai ladri di metalli. Dimenticavamo: il PaME ha partecipato al convegno “Dal Velino al Nera. L’acqua e gli uomini“, svoltosi a Rieti nel maggio del 2013 ed i documenti che pubblichiamo sono stati scaricati dal sito del Comune di Terni, ma ad oggi non risultano più essere disponibili.

La centrale idroelettrica di Papigno nel video di Urbex Roma
Condividi: