Costruita tra il 1875 ed il 1879 su iniziativa del Comune di Terni, questa fondamentale opera idraulica contribuì ad elevare Terni dallo status di piccolo centro di provincia a quello di importante città, favorendo l’insediamento di  opifici privati e statali.

Attraverso varie derivazioni secondarie, il Canale Nerino forniva l’acqua per uso industriale e alimentava le centrali idroelettriche dello Jutificio Centurini, della Fabbrica d’Armi, del Lanificio e della Fonderia.

Nel 1950 con l’entrata in funzione della centrale di Monte Argento il canale fu dismesso, quindi agli inizi degli Anni Sessanta con la costruzione dello stabilimento Terninoss l’alveo fu interrato.

Dell’opera rimangono oggi lo sbarramento costituito dal ponte diga cui è dedicato il filmato, lo scaricatoio e l’imbocco del canale, oltre a l’impianto di arrivo presso l’area del Lanificio.

[vimeo width=”640″ height=”480″]https://vimeo.com/111973707[/vimeo]

[maxgallery id=”6446″]