All’inizio dell’abitato di Marmore, in corrispondenza della galleria della Ferrovia Terni-Rieti-L’Aquila-Sulmona, è visibile il ponte canale che faceva parte delle opere di derivazione della sala Velino della Centrale di Papigno. L’impianto idroelettrico fu costruito dalla Società Italiana del Carburo di Calcio nel 1911 ed utilizzava due diverse derivazioni: dal Nera e dal Velino. Quest’ultima ha inizio all’interno della struttura della diga mobile Stoney e attraverso un canale parte in galleria parte scoperto (cui si riferiscono le immagini) raggiunge le vasche di carico presso le pendici del Monte S. Angelo. I ruderi di queste strutture sono adiacenti la Strada Statale. La centrale è stata abbandonata negli anni settanta del 1900 in seguito all’entrata in funzione di quella di Monte S. Angelo.
PonteCanalePapigno01
PonteCanalePapigno02
PonteCanalePapigno03
PonteCanalePapigno04