Home » Approfondimenti » Parco minerario di Buonacquisto (TR)
Resti degli edifici di servizio
Resti degli edifici di servizio

Parco minerario di Buonacquisto (TR)

Il giacimento di lignite di Buonacquisto fu scoperto durante lo svolgimento di lavori agricoli sui terreni della Famiglia Blasi, nel 1918 iniziò la coltivazione, realizzata a cielo aperto, in modo assai poco razionale. Il 18 novembre dell’anno seguente, con decreto del Commissario Generale per i Combustibili Nazionali, la Società Anonima Mineraria Capitale e Lavoro dell’imprenditore romano Aldo Battistoni, ottenne la concessione per lo sfruttamento minerario ed iniziò i primi lavori di trivellazione. Gli occupati durante il periodo bellico raggiunsero le 250 unità, i minatori, che provenivano anche da regioni come la Sicilia e la Sardegna, alloggiavano presso il Castellone, vecchia casa colonica di proprietà dei Blasi, di cui rimangono oggi i ruderi. In parallelo alle coltivazioni a cielo aperto, con la prospettiva dell’esaurimento degli strati di lignite superficiale, iniziarono le indagini sotterranee, che nel 1919 portarono alla realizzazione della prima galleria, denominata “Vecchia Miniera” e nel 1922 della “Galleria del Nord”, da cui si svilupparono in seguito numerose diramazioni. All’inizio degli anni Trenta l’attività visse momenti difficili, ma riprese con rinnovato vigore nel 1935, quando alla Società Anonima Mineraria Capitale e Lavoro subentrò la Società Anonima Mineraria di Piediluco, che alla fine di quel decennio costruì una fornace per la produzione di calce bianca, prodotta a partire dal calcare estratto da due cave vicine alla miniera e cotta grazie alla lignite. Il complesso degli impianti annoverava ormai 1.000 m2 di capannoni, comprendenti officina, falegnameria, uffici, spogliatoio, refettorio e 9.000 m2 di piazzali. Il sito, posto a quota 700 m circa, era servito da una ferrovia Decauville, che aveva uno sviluppo complessivo di 1.200 m e permetteva il trasporto del combustibile fossile fino al piano inclinato realizzato sulle pendici del monte Posatore, servito da un cassone automotore che scendeva fino al piano di Valle Avanzana, dove una apposita struttura in calcestruzzo, per mezzo di scivoli, effettuava il carico dei camion. In precedenza il trasporto era affidato ai muli, che terminavano il loro lavoro in località Vecchia Osteria, dove si trovavano alcune capanne adibite allo stoccaggio della lignite che, grazie alla stazione ferroviaria di Piediluco, giungeva a Terni per essere consegnata alle industrie locali ed alle fornaci Briziarelli e Tacconi. L’immediato dopoguerra (1950) si aprì con l’entrata in scena dell’imprenditore Torlonio Noceta, che mutò la denominazione in Società Anonima Mineraria di Piediluco ed intraprese nuove ricerche, coronate da successo, che resero necessaria la realizzazione di due nuove discenderie attrezzate con argani, accompagnata dalla contemporanea riorganizzazione dell’attività. Nonostante ciò, il notevole aumento della produzione mondiale di petrolio, determinò un cospicuo ridimensionamento dell’estrazione di carbone e la cessazione di quella di lignite sul tutto il territorio nazionale, cui non sfuggì la miniera di Buonacquisto, che chiuse nel 1957.

Resti del fabbricato per l'alloggio dei minatori
Resti del fabbricato per l’alloggio dei minatori (Castellone)
Resti degli edifici di servizio con l'imbocco di una galleria
Resti degli edifici di servizio con l’imbocco della “Galleria del nord”
Ingresso della galleria a sinistra degli edifici di servizio
Ingresso della “Galleria den nord”, a sinistra degli edifici di servizio
Resti delle colonne di sostegno dei binari
Resti delle colonne di sostegno dei binari dove scorrevano i carrelli diretti alla fornace della calce
Cava di calcare
Cava di calcare
Tratto del tracciato della ferrovia Decauville
Tracciato della ferrovia Decauville
Locomotore diesel JUNG EL105 per il traino dei vagoni sulla ferrovia Decauville
Locomotore diesel JUNG EL105 per il traino dei vagoni sulla ferrovia Decauville
Ponte della Trocia della ferrovia Decauville
Ponte della Trocia della ferrovia Decauville
Il piazzale antistante la prima galleria di accesso alla miniera come è oggi
Piazzale antistante la “Vecchia miniera”, la prima galleria realizzata, come è oggi
Prima galleria di accesso alla miniera
Ingresso della “Vecchia miniera”
Piano inclinato per il trasporto della lignite fino a valle Avanzana
Piano inclinato costruito sul monte Posatore per il trasporto della lignite fino a valle Avanzana
Particolare dell'inizio del piano inclinato
Struttura che ospitava il macchinario del piano inclinato
Esempio di carrello con cassone utilizzato nei piani inclinati
Esempio di carrello con cassone utilizzato nei piani inclinati
Valle Avanzana, resti delle strutture per il carico della lignite sui camion
Valle Avanzana, resti delle strutture per il carico della lignite sui camion
Valle Avanzana, resti delle strutture per il carico della lignite sui camion
Valle Avanzana, resti delle strutture per il carico della lignite sui camion

Controlla anche

Zeche Zollverein

La miniera di Zollverein (Germania)

Alla fine dell’Ottocento nella regione della Ruhr era in corso la rivoluzione industriale favorita dalle …

Terni: Colle dell’Oro. Il giacimento. La miniera

Le prime miniere di lignite in Umbria sono attestate nei pressi di Spoleto, a Morgnano …

22 marzo 1955, la tragedia alla miniera di Morgnano (PG)

Alle ore 5,40 del 22 marzo 1955, pochi minuti dalla fine del terzo turno di …

La miniera Trabia-Tallarita (Caltanissetta)

(Da: http://www.comune.sommatino.cl.it/mm/mm_p_dettaglio.php?idmonumento=5&x=) La miniera Trabia Tallarita, denominata “Solfara Grande”, si trova fra il territorio di …