Home | Notizie | 2015 | Paraboloidi. Un patrimonio dimenticato dell’architettura moderna
Interno Paraboloide
Interno Paraboloide

Paraboloidi. Un patrimonio dimenticato dell’architettura moderna

Paraboloidi. Un patrimonio dimenticato dell’architettura moderna, ed. Edifir, 2015.

Il libro realizzato da Marcello Modica e Francesca Santarella è dedicato a una tipologia particolare di edificio industriale che ha caratterizzato l’Italia del Novecento. Due interessanti esempi si trovano anche in Umbria, ad Assisi (PG) e Nera Montoro (TR).

Parabolodi di Marcello Modica e Francesca Santarella
Parabolodi di Marcello Modica e Francesca Santarella

Il volume illustra un fenomeno architettonico ancora in gran parte sconosciuto in Italia, nonostante le sue origini e la sua evoluzione nel corso del Novecento abbiano interessante in modo significativo proprio questo paese. Si tratta dei magazzini industriali a copertura parabolica (comunemente detti paraboloidi, sebbene il termine non sia propriamente esatto): maestose volte nervate in cemento armato, unione perfetta tra funzionalità ed estetica, che hanno conquistato una posizione di tutto rispetto nell’architettura industriale legata al Movimento Moderno ed alla produzione seriale – tanto da essere successivamente “esportati” in numerosi paesi europei. Al centro della ricerca ci è un’articolata cronologia che descrive la storia di ognuno dei 91 esemplari realizzati sul territorio italiano tra il 1920 e il 1970, con un ricco ed inedito corredo di fotografie d’epoco e attuali, disegni, planimetrie originali, un cenno ai recuperi effettuati e ai magazzini sul territorio europeo.
L’obiettivo di questo libro è di fare luce, per la prima volta in Italia, su un patrimonio storico, architettonico e culturale di valore inestimabile che, per la sua natura “industriale”, è costantemente a rischio di estinzione.

Paraboloide di Nera Montoro (TR)
Paraboloide di Nera Montoro (TR)

Gli autori

Marcello Modica, urbanista e fotografo, si occupa da diversi anni di archeologia industriale sul territorio italiano ed europeo. Ha partecipato come guest lecturer a numerose conferenze sul tema (Università degli Studi di Genova, Università Cattolica di Milano, 13° Biennale di Architettura di Venezia, NovarArchitettura) e collabora stabilmente con riviste scientifiche (Urbanistica, Patrimonio Industriale, Industriekultur, Llàmpara Patrimonio Industrial).

Francesca Santarella, studiosa di archeologia industriale, è consigliere comunale a Ravenna dal 2011. Di sua iniziativa la campagna di sensibilizzazione pubblica per la salvaguardia del paraboloide ex SIR.

Controlla anche

Telfer, De Sio contro la distruzione: “Il Comune rispetti la legge regionale”

Stampa

Le turbine costruite dalla Società Terni per gli impianti del sistema Nera-Velino

[vimeo width=”853″ height=”480″]https://vimeo.com/111281720[/vimeo] Stampa

Un museo a cielo aperto di turbine vicino alla Cascata delle Marmore

“L’acqua sfruttata per produrre energia e forza motrice a basso impatto ambientale e il cibo …

C’era una volta La Terni Industriale #1

Uno sguardo a ciò che rimane delle grandi industrie nel territorio ternano. (#1: Papigno – …