Home | Musei monumenti e parchi | Estero | Museo dell’Energia Santralistanbul (TK)
SantralIstanbul
Fonte: https://commons.wikimedia.org/wiki/File:SantralIstanbul_turbine_hall_foto1.jpg

Museo dell’Energia Santralistanbul (TK)

Le prime due sale macchine della centrale termoeletrica di Silahtarağa, costruite rispettivamente nel 1913 e nel 1921, dopo il necessario restauro e consolidamento, ospitano dal 2007 il Museo dell’Energia di Istanbul, conservando il maggior numero di elementi originali possibili. Si tratta del primo impianto per la produzione di energia elettrica dell’Impero ottomano, che fino al 1952 costituì l’unica fonte di energia della capitale turca, raggiungendo la massima capacità, pari a 120 MW, nel 1956. In seguito, a causa dell’obsolescenza, la produzione di energia declinò progressivamente fino alla dismissione dell’impianto, avvenuta il 18 marzo 1983, cui seguirono decenni di abbandono. Finalmente nel 2004 la centrale elettrica di Silahtarağa fu assegnata all’Università di Istanbul Bilgi dal Ministero dell’Energia e delle Risorse Naturali, così con l’istituzione del Campus di Santralistanbul, i fondatori dell’Università riuscirono a rivitalizzare un’area allora degradata, istituendo nello stesso tempo il primo museo industriale della Turchia.

Centrale termoelettrica Silahtarağa
Fonte: http://www.santralistanbul.org/pages/index/powerplant/en/

Il passo iniziale attuato nell’ottica della musealizzazione fu quello di arrestare la corrosione che aveva colpito le turbine e altri macchinari negli anni seguenti la dismissione, grazie ad un sigillante protettivo anticorrosione, applicato da tecnici esperti, che effettuarono anche la completa pulizia dei complessi apparati presenti nel sito. Successivamente, il gruppo turbina numero uno fu ripristinato nel suo aspetto originale mentre il gruppo numero tre, fu conservato esattamente nello stato in cui si trovava quando la produzione dell’impianto fu fermata. Nelle officine 1 e 2 del Museo dell’Energia, i visitatori hanno la possibilità di vedere i turbogeneratori AEG, Brown Boveri, Siemens e Thomson Houston, che rappresentavano i componenti chiave della produzione di energia elettrica di Silahtarağa, esempi della tecnologia più avanzata dell’epoca nel settore della produzione di energia da fonti termiche. La sala di controllo, dove avveniva la supervisione della produzione di elettricità e lo smistamento tra i diversi quartieri della città di Istanbul, è stata preservata intatta, completa di dispositivi di controllo e attrezzature, ponendo in atto un meticoloso processo di conservazione.

Controlla anche

Il museo della centrale idroelettrica di Tafjord (Norvegia)

Il piccolo borgo di Tafjord divenne un importante fornitore di energia elettrica per la rivoluzione …

Museo dell’Energia Elettrica di Cedegolo (BS)

Stampa

Cento anni di Perugina

[youtube width=”480″ height=”360″]http://www.youtube.com/watch?v=xN6lmPGhM3E[/youtube] Stampa

Video: Museo della ferrovia Spoleto-Norcia

[vimeo width=”640″ height=”480″]https://vimeo.com/111305704[/vimeo]   Stampa