L’uscita di questo film dedicato alla macchina tipografica Linotype, definita “l’ottava meraviglia del mondo” contribuisce tristemente a conferire ulteriore gravità alla perdita dei macchinari del Poligrafico Alterocca che erano abbandonati a se stessi in un magazzino sito all’interno dello stabilimento elettrochimico di Papigno, di proprietà del Comune di Terni. La Linotype ha rivestito una importanza tale nella storia dell’editoria da meritarsi un film, mentre a Terni l’indifferenza verso questo prezioso patrimonio ha terminato la sua scomparsa irreparabile. Non siamo nel mondo anglosassone dove, di fronte ad un evento del genere, più di uno tra gli amministratori locali avrebbe rassegnato la dimissioni, ma in Italia, Paese nel quale la frase che capita più spesso di ascoltare è “non è di mia competenza”. Il risultato è una perdurante e persino sconcertante incapacità di progettare e realizzare, grazie all’archeologia industriale, un modello di sviluppo alternativo a quelli consueti, in una città ove si continuano a concepire e costruire solo palazzi e centri commerciali.

[vimeo width=”500″ height=”281″]http://vimeo.com/15032988[/vimeo]

“Linotype: The Film” is a feature-length documentary centered around the Linotype type casting machine. Called the “Eighth Wonder of the World” by Thomas Edison, it revolutionized printing and society.

The film tells the surprisingly emotional story of the people connected to the Linotype and how it impacted the world.

http://www.linotypefilm.com