Con la costruzione del “Porto Nuovo” intorno al 1890, fu progettato e realizzato, con tecnologia avanzata, l’impianto a vapore, la cui energia, con una rete di 6.500 metri di tubazioni, azionava oltre 100 gru e più di 50 montacarichi. L’impianto, oggi gioiello di archeologia industriale, ha terminato la sua attività produttiva il 15 giugno 1988.

Il restauro della centrale idrodinamica del Porto di Trieste

[youtube width=”640″ height=”480″]http://www.youtube.com/watch?v=wyN9DsNl-Zg[/youtube]

[youtube width=”853″ height=”480″]http://www.youtube.com/watch?v=wP9ljJxoFcU[/youtube]

[youtube width=”640″ height=”480″]http://www.youtube.com/watch?v=ceEVjFZltmA[/youtube]