Home » Notizie » 2011 » La bonifica delle aree Papigno e Gruber è un miraggio, perdere la nostra storia quasi una certezza.
Papigno

La bonifica delle aree Papigno e Gruber è un miraggio, perdere la nostra storia quasi una certezza.

Papigno

Dal 2002, quando fu avviata la bonifica dei vecchi siti industriali, risultati visibili non ci sono, il progetto viaggia molto lentamente, caratterizzato da molte difficoltà, come quella riguardante una parte del tracciato della Terni–Rieti, finito all’interno dell’area da bonificare. Ora c’è uno scontro tra Municipio e la Sovrintendenza, che nasce dalla diversa idea sul destino dei vecchi capannoni dell’ex Carburo di Papigno. Il Comune per accelerare le operazioni di bonifica vorrebbe demolire, la Sovrintendenza è contraria. La posizione della Sovrintendenza è giustamente motivata dalla considerazione che gli edifici del vecchio stabilimento sono strutture di archeologia Industriale da salvaguardare. Con lo stop imposto il Comune per procedere alla bonifica dovrà spendere più soldi, ma sarebbero preservate strutture di rilevante interesse storico, sicuramente patrimonio di noi tutti. Certo che per procedere alla bonifica bisogna mettere in sicurezza i capannoni, poiché dal 2002 le condizioni strutturali sono notevolmente deteriorate. L’ARPA ha fatto sapere che è stato approvato il piano per la bonifica dell’ex discarica di Papigno con la tecnica della fitodepurazione. Nei giorni scorsi il Comune ha approvato una spesa di poco più di 30.000 euro per la bonifica, cifra che per ora servirà solo per l’eliminazione delle erbacce presenti. Rimane ancora un’ipotesi, il tanto declamato progetto della fitodepurazione, consistente nella messa a dimora di piante, che per mezzo delle radici aspirano le sostanze nel sottosuolo depurandolo. La passata amministrazione stanziò con una delibera del 16 aprile 2009, 86.000 euro, stipulando una convenzione con ARPA, Istituto Agroambientale del Consiglio di Stato e Dipartimento delle Scienze dell’ambiente dell’Università della Tuscia, motivandola con la necessità di progettare degli interventi di bonifica dei suoli e della falda dell’ex discarica di Papigno e del Lanificio Gruber.  Oggi, visti solo i 30.000 euro a disposizione e la dura realtà del bilancio municipale, la realizzazione della bonifica appare sempre più un miraggio, con conseguente deterioramento delle strutture, che se non saranno messe in sicurezza non servirà l’abbattimento, perché presto cadranno da sole. A quasi 10 anni il piano attuativo di bonifica è ancora un miraggio, mentre pare profilarsi la certezza di perdere altre importanti testimonianze della nostra storia, come la SIRI e lo Iutificio Centurini.

Vedi anche Stabilimento elettrochimico di Papigno

Controlla anche

Pensare in grande. Lo stile di Gino Papuli in un intervento del 1996 sul sito industriale dismesso di Papigno (TR)

Ripubblichiamo un intervento dell’ingegner Gino Papuli nel convegno organizzato dal CESTRES di Terni nel 1996, …

Telfer: interrogazione in Senato

ATTO SENATO INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/01549 Dati di presentazione dell’atto Legislatura: 17 Seduta di …

Telfer: abbandonare per poi smantellare

Telfer, Cagli e altre storie

L’articolo che alcuni giorni fa, accostando i mosaici di Cagli alla passerella Telfer, ha giustamente …