Home | Eventi | FAI. I Luoghi del Cuore 2014. Vota per la Telfer e il magazzino della calciocianamide. Ferma la distruzione!

FAI. I Luoghi del Cuore 2014. Vota per la Telfer e il magazzino della calciocianamide. Ferma la distruzione!

Aderiamo alla campagna indetta dal FAI, I Luoghi del Cuore 2014, votando QUI per la TELFER e il MAGAZZINO DELLA CALCIOCIANAMIDE. Fermiamo la distruzione!

La Telfer e il magazzino della calciocianamide.
La Telfer e il magazzino della calciocianamide.

La passerella Telfer rappresenta un momento fondamentale nell’evoluzione tecnica degli impianti dello stabilimento elettrochimico di Papigno. Fu costruita nel 1929, nel’lambito dei radicali lavori di ammodernamento della fabbrica realizzati dalla Società Terni. Il manufatto assolveva molteplici funzioni, tra cui quella di consentire l’attraversamento della strada regionale 209 della Valnerina e il corso del fiume Nera ad una serie di conduttore, tra cui quella di aspirazione dell’aria, effettuata sulla collina nei pressi di Villa Graziani, era inviata alla sala Claude per ottenere in frazionamento dell’aria per la produzione di azoto e ossigeno. Sul ponte metallico transitava anche la calciocianamide, un concime minerale ottenuto dalla frantumazione della cianamide sottoposta prima ad azotazione e successivamente a macinazione, che era trasferita mediante trasportatori meccanici nel grande magazzino sulla sponda destra del Nera, capace di contenere ben 85.000 tonnellate di prodotto. La salvaguardia della Telfer è fondamentale per consentire di preservare la continuità organica del sito industriale, per consegnare alle future generazioni quanto resta di preziose strutture e macchinari dello stabilimento che l’UNESCO annovera tra maggiori al mondo .

Controlla anche

Telfer

Telfer, ok al restauro, ma lo smontaggio va avanti

Telfer

Telfer, uno spiraglio per la sua salvaguardia?

Telfer Piccinini

Conferenza dei servizi per la distruzione della Telfer

Corriere dell'Umbria 21-12-2014 p. 35

Papigno, il furto dei macchinari e un processo dimenticato

La vicenda, che dimostra ancora una volta il disinteresse verso i beni di archeologia industriale …