Home | Musei monumenti e parchi | Italia | Centrale idroelettrica Farfa 1 (RI)

Centrale idroelettrica Farfa 1 (RI)

Il 25 febbraio 1899 l’ingegner Edoardo Ugolini presentò domanda alla Prefettura di Perugia per derivare 1,20 m3/sec di acqua dal fiume Farfa, presso le le fornaci di Santa Maria a Valle Basetti utilizzando un salto di 86,50 m, al fine di alimentare la ferrovia elettrica Rieti-Corese e ottenne la concessione con i decreti emanati l’11 luglio e il 6 novembre 1900. Il 28 marzo 1901 fu costituita la Società Romana di Elettricità, che oltre ad acquistare la concessione Ugolini, entrò in possesso delle sorgenti di Càpore (Frasso Sabino), di proprietà del Principe Borghese e la neo costituita azienda affidò all’ingegner Ulisse Del Buono lo studio del progetto per utilizzare le sorgenti Càpore e altre acque del demanio in un’unica derivazione. Il progetto prevedeva la restituzione delle acque presso il fosso Roccabaldesca sotto Mompeo, il salto utilizzato era di 122 m mentre il canale misurava 7 km di lunghezza. La Prefettura di Perugia, il 29 gennaio 1903, esaminò il decreto della nuova concessione, che divenne definitivo il 10 aprile dello stesso anno, tuttavia solo il 23 novembre 1906 fu emanato il decreto che approvò e rese esecutivo il progetto. Nel frattempo l’ingegner Angelo Filonardi, uno dei i fondatori della Società Italiana per le Condotte d’Acqua e successore di Del Buono nello studio del progetto, concepì una soluzione alternativa per l’impianto, mediante un canale derivatore fino a Torre Baccelli, nel comune di Fara in Sabina, con uno sviluppo complessivo di 11,700 km allo scopo per poter sfruttare un salto geodetico di 162,50 metri e di conseguenza poter produrre una maggior quantità di energia, a fronte di una spesa maggiore per realizzare le opere idrauliche necessarie. Il nuovo progetto, presentato il 21 maggio 1907 dagli ingegneri Filonardi e Waldis, ottenne il decreto l’8 luglio 1909. Il lungo iter si concluse con il progetto definitivo, opera dell’ingegner Enrico Anagni,  subentrato al Filonardi dopo la scomparsa di quest’ultimo che fu presentato il 1 marzo 1910 e approvato il 9 giugno 1910. Finalmente nell’agosto 1911 iniziarono i lavori sotto la direzione di Enrico Anagni, che si avvalse della collaborazione degli ingegneri Gino Coari e Stefano Bellini. Tuttavia tra il 1912 al 1914 fu costruita poco meno della metà del canale derivatore, mentre con opportune modifiche progettuali la lunghezza della derivazione fu ridotto a 10,5 km, con una portata massima derivabile di 8 m3/sec. In seguito allo scoppio della Prima Guerra Mondiale la costruzione proseguì molto lentamente, ma sotto la direzione dell’ingegner Giordano i lavori ripresero con vigore alla fine del 1918, mentre per la parte elettrica l’incarico fu affidato all’ingegner Oscar Sismondo, capo servizio della Società Anglo Romana. Nonostante le difficoltà tecniche e finanziarie nel febbraio 1923 l’impianto idroelettrico entrò in funzione con due gruppi turbina Riva e alternatore Westinghouse da 5.000 kW ciascuno, alimentati da due condotte forzate realizzate dalla ditta Antonio Bosco di Terni. Per innalzare il valore della tensione, inizialmente furono istallati quattro trasformatori monofase Westinghouse da 4500 kVA ciascuno, che elevavano la tensione prodotta dagli alternatori da 6.000 Volt a 60.000 Volt della linea elettrica, in seguito sostituiti da un unico trasformatore trifase. Contestualmente furono realizzate anche le abitazioni per il direttore della centrale e le famiglie degli operai. Una linea elettrica a 60.000 Volt, lunga circa 3 km, collegava la centrale alla sottostazione elettrica di Colonnetta “La Memoria” situata nel comune di Montopoli di Sabina, dove, unitamente agli elettrodotti ad alta tensione provenienti dalla cabina “Roma” dell’elettrochimico di Papigno (TR), alimentava le utenze romane. Nel 1933, per fare fronte a una crescente domanda di energia elettrica, la Società Romana di Elettricità realizzò, nei pressi di Torre Baccelli, un bacino di carico con una capacità di circa 140.000 m3, che consenti l’installazione di una terza condotta forzata e di un altro gruppo turbo-alternatore Riva-Tecnomasio Italiano identico ai precedenti, destinato alla funzione di riserva.  Le acque del Farfa, restituite al suo corso naturale dal canale di di scarico della centrale, furono ulteriormente utilizzate tramite un canale di derivazione dalla centrale idroelettrica Farfa 2, situata non lontano dalla stazione ferroviaria di Poggio Mirteto,  inaugurata nel 1936. Nel 1944, durante in secondo conflitto mondiale, la centrale Farfa 1, la sottostazione di Colonnetta La Memoria e la centrale Farfa 2 furono minate e gravemente danneggiate dalle truppe tedesche in ritirata, ma appena possibile la Società Romana di Elettricità ripristinò gli impianti restituendoli alla loro piena efficienza. Nel 1963, con la nazionalizzazione dell’energia elettrica, la centrale divenne proprietà dell’ENEL, poi nel 1985 fu automatizzata per essere gestita da posto di teleconduzione di Montorio al Vomano (TE). Negli anni recenti grazie a Enel Green Power, società multinazionale italiana operante nel settore di mercato delle energie rinnovabili e Michele Antonilli, docente presso l’Istituto di Istruzione Superiore “Aldo Moro” di Passo Corese, l’impianto idroelettrico è stato teatro di numerosi eventi didattici e culturali nell’ambito della manifestazione “Centrali Aperte”, divenendo uno dei rari esempi di officina idroelettrica ancora dotata di macchinario originale, in quanto la corsa frenetica all’acquisizione dei certificati verdi ha determinato la perdita irreparabile di una molte impressionante di gruppi, organi di comando e componenti elettromeccanici storici. Visitando Farfa 1 colpisce positivamente la presenza di due targhe apposte nel 2007, che ricordano vari ingegneri che contribuirono alla realizzazione dell’opera, tra cui Aldo Netti, nato a Stifone, che portò l’energia elettrica a centotrenta comuni del Lazio e dell’Umbria e operò anche nelle Marche. E’ incredibile che sia Narni sia Terni si siano dimenticate di lui,  membro tra l’altro del consiglio di amministrazione delle Acciaierie ternane, al punto che non si è meritato neanche l’intitolazione di una via o di una piazza nella autoproclamata “capitale dell’archeologia industriale”.

Fonte: M. Antonilli, M. Pietrangeli,  “Storia dei vari sistemi di trasporto intorno a Roma, a Rieti, alla Sabina e la centrale ENEL di Farfa”, 2011.

Prospetto sud della centrale con il canale di scarico
Prospetto sud della centrale con il canale di scarico

Fabbricato in corso di realizzazione
Fabbricato in corso di realizzazione
Trasporto della prima condotta forzata, costruita dalle Officine Bosco di Terni
Trasporto della prima condotta forzata, costruita dalle Officine Bosco di Terni
Pompe centrifughe per eliminare le infiltrazioni d'acqua nelle fondazioni
Pompe centrifughe per eliminare le infiltrazioni d’acqua nelle fondazioni
Frasso Sabino,laghetto Le Capore, sorgenti del fiume Farfa
Frasso Sabino,laghetto Le Capore, sorgenti del fiume Farfa
Montaggio della prima condotta forzata
Montaggio della prima condotta forzata
Costruzione della linea ad alta tensione (60 kV) per l'allacciamento con la rete Terni-Roma
Costruzione della linea ad alta tensione (60 kV) per l’allacciamento con la rete Terni-Roma
Sala macchine in fase di ultimazione
Sala macchine in fase di ultimazione
La centrale in fase di avanzata costruzione
La centrale in fase di avanzata costruzione
L'edificio dell'impianto idroelettrico
L’edificio dell’impianto idroelettrico
Officina meccanica
Officina meccanica
La condotte forzate
La condotte forzate
Targa dell'AEIT dedicata all'ingegner Aldo Netti
Targa dell’AEIT dedicata all’ingegner Aldo Netti
Targa del CIFI dedicata all'ingegner Aldo Netti
Targa del CIFI dedicata all’ingegner Aldo Netti
Alternatore
Alternatore
Organi di manovra della turbina
Organi di manovra della turbina
Turbina ad asse orizzontale
Turbina ad asse orizzontale
La sala macchine oggi
La sala macchine oggi

Controlla anche

Impianti idroelettrici sul Vomano - Soc. Terni

Mostra documentaria sulla Centrale idroelettrica di San Giacomo, Montorio al Vomano (TE)

Una mostra documentario presso l’Archivio di Stato di Teramo dedicata alla Centrale idroelettrica di San …

Centrale idroelettrica Contrada Cataratti

La centrale Idroelettrica di Catarratte (PA) al 6th International Conference on Sustainability in Energy and Buildings

Ancora una volta il mondo accademico rivolge la sua attenzione all’impianto idroelettrico dismesso di Petralia …

Vista esterna centrale di Liste

La centrale Idroelettrica Liste di Ferro di Collesano (PA)

La centrale idroelettrica Liste di Ferro fa parte dello schema Acquedotto di Scillato, di proprietà della …

Centrale idroelettrica Spalla

La centrale idroelettrica della Ditta Spalla di Cerda (PA)

La Centrale Idroelettrica Spalla operava in serie all’ acquedotto di Scillato a valle delle tre …